Italiano – Italian

il Progetto
ClimateTalks.Org è un processo orientato studio del clima dell’esperienza clima percepito di persone in tutto il mondo . L’obiettivo è triplice:

1 . Per aumentare la consapevolezza del clima a livello locale attraverso la conversazione e l’interazione con le persone a un livello di base . Tutte le persone coinvolte sono selezionati in modo casuale . Dopo un dialogo aperto circa la loro esperienza e la comprensione del clima , un globo terrestre è gonfiato come un rituale che termina la conversazione . Questo per rendere l’esperienza memorabile , e stimolare la continua conversazione con amici e familiari in seguito.

2 . Per documentare le storie e unirli in una grande storia dell’umanità . Le interviste si basano sui principi della norvegese professor Steiner Kvale su Metodi di ricerca qualitativa , con semplici , chiare e brevi domande aperte . (Vedi elenco in fondo alla pagina ) . Questo sito è la prima tappa della “strada” di documentare le storie e le persone dietro di loro . Il sito non contiene tutte le storie , ma si concentra sul processo del progetto. Le storie sono ” salvati ” per un libro in seguito, e altri piani sono in cantiere . Fino ad allora, godetevi le immagini della bella gente da tutto il mondo : o)

3 . Per unificare la gente da tutto il mondo in una comprensione del genere umano si trova ad affrontare sfide . Questo viene fatto attraverso mostre e presentazioni in cui vengono inoltrati i racconti documentati insieme film e foto . Ogni anno il progetto va alla Conferenza ONU sul Clima ( COP) e fa una mostra. Non come parte della Conferenza ufficiale, ma in uno spazio pubblico, come una piazza o di strada . Le mostre sono per il popolo, del popolo e sostanzialmente da parte del popolo : o) Quindi, se il COP delle Nazioni Unite è top -down , questo progetto è di tipo bottom – up .

Su di me:

IMG_3032

Il mio nome è Jens Louis Valeur Jaques . Sono un artista con una laurea in Performance Design & Affari da Roskilde University e un Master in Creative Leadership , Innovazione e imprenditorialità da Università di Copenaghen , l’IT- University e la Danish Design School . Più tardi ho integrato con corsi di perfezionamento mirati in studio del clima presso il Dipartimento di Antropologia , Dipartimento di Sociologia e il Dipartimento di Scienze Politiche presso l’Università di Copenaghen .

Come artista , ho lavorato ampiamente nel campo creativo . Da teatrali e di danza , piccole e grandi installazioni d’arte in scala , film e video musicali davanti e dietro la macchina fotografica , la fotografia e la pittura … L’ espressione creativa è ciò che conta per me . Il mezzo è irrilevante .

motivazione :

Mio padre , Ronny Jaques , era un fotografo sempre in giro per il mondo , e ha piantato un seme in me di fare lo stesso . La sua morte ha scatenato i miei inizi come un viaggiatore del mondo . Ma avevo bisogno di scopo per il mio viaggio , e così ho iniziato il mio progetto del clima.

Con tutto il materiale scientifico top-down nel mondo accademico e in ambito politico (con il suo ragionamento deduttivo a volte latente ) , ho voluto fare un approccio induttivo bottom-up , concentrandosi sul ” piano terra ” in cui persone normali vivono e lavorano . E io volevo essere solo un parlare umano ad un altro essere umano , mantenendo la conversazione semplice e diretto . Vorrei chiedere domande aperte e dire il meno possibile , permettendo loro di fare la comunicazione e con la presente mantenendo la conversazione come veritiero e onesto possibile . E così è stato , o)

Il processo:

Il progetto è partito sciolto in forma , con una particolare attenzione per solo parlando alla gente di problemi climatici e le sfide locali , ma sempre con il rituale ” artistico ” fine di gonfiare il mondo e prendendo la loro immagine . Tuttavia, ben presto mi sono reso conto che le persone in cui mi diceva storie che non avevo sentito prima , e ho iniziato a documentare in modo più dettagliato e assicurando che pochi certa domanda dove chiede ogni volta , per assicurarsi che ho avuto la storia completa e rendere le storie comparabili.

Cinque anni dopo, circa 500 conversazioni + hanno avuto luogo in 90 paesi + . Ogni conversazione è un piccolo pezzo di un puzzle . Un puzzle in cui non si sa che cosa il quadro completo assomiglia. Ho lentamente iniziato a mettere insieme il puzzle ed è affascinante ed interessante per trovare correlazione tra le conversazioni che sono mondi a parte e scoprire che certe parole sono utilizzati in quasi ogni conversazione .

L’obiettivo :

Non mi piace il bloccaggio in su un certo risultato , ma piuttosto lasciare che il processo e in questo caso le storie di mostri il modo . Io sto già facendo mostre sotto il nome WorldUnite.Me , con le foto , ogni anno intorno alle conferenze delle Parti delle Nazioni Unite .

Dal 2008 , milioni di persone hanno visto le mostre in tutto il mondo . Le immagini qui sotto sono della ONU COP15 a Copenhagen nella piazza del municipio , dove le immagini sono state proiettate su un interattivo 100 piede grande globo , e in mostra durante la notte durante il 10 giorno lungo Conferenza sul Clima delle Nazioni Unite .

ClimateTalks.Org Onu Cop 15 ClimateTalks.Org ONU COP15

 

In futuro potrei fare un libro , una interazione Tablet – format , documentari , presentazioni …. Il tempo ci dirà : o) Per ora sto ancora focalizzata in conversazioni : o)

(Tuttavia , sono profondamente ispirato da ” The Story of Stuff ” , e il loro modo di raccontare una storia . Se non lo avete visto , si dovrebbe. Potete trovarlo cliccando proprio sopra o andando alla sezione link . )

———————————

Steiner Kvale :

Intervista Guida: Kvale di 10 criteri di un buon intervistatore ( fonte : Steinar Kvale Interviste: An Introduction to Metodi di ricerca qualitativa 1996) :

 Competente e familiarità con l’ argomento del colloquio
 trasparente – le domande sono semplici, facili e di breve
 Strutturato dare spiegazione della struttura e lo scopo del colloquio
 GENTLE – permettere alle persone di finire quello che dicono
 Sensibile – ascoltare l’intervistato
 Aprire – risposta a ciò che è importante per l’intervistato
 Sterzo – dovrebbe sapere che cosa ha bisogno per scoprire , usare le domande e le richieste
 critico -preparati a sfidare ciò che viene detto dall’intervistato
 Ricorda – quanto è già stato detto in precedenza e fare riferimento a ciò che è stato detto , non fare domande già discusse dall’intervistato
 Interpreta – riassumendo quanto detto
2 Criteri supplementari :
 Balanced- di non parlare troppo di non parlare troppo poco
 eticamente sensibili – assicura l’intervistato sa quello che la ricerca è e come saranno trattati i dati
Fai una breve introduzione dello scopo della ricerca e chiedere di questioni di riservatezza . È l’intervistato va bene condividere la sua / il suo nome .

It's only fair to share...Share on FacebookShare on VKEmail this to someonePrint this pageTweet about this on TwitterShare on StumbleUponShare on TumblrShare on RedditPin on PinterestShare on LinkedIn

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>